Balcani Cooperazione Osservatorio Caucaso
martedì 26 maggio 2020 14:37

Osservatorio Balcani
 

Commenti dei lettori all'articolo: Giornalisti e crimini di guerra

(1-4/4)

Messaggi mostrati: 
Message Autore: Manlio Data e ora: 11.07.2009 18:43
Discronie
I giornalisti, più dei politici. possono diventare, spesso non pienamente consapevoli, strumento di progetti sinarchici. E' certamento questo il terrore che afflige i leader di Cina, India, Iran, ecc. La storia dell'utilizzo dei mass-media nella ex-Jugoslavia, mai indagata pienamente, lo dimostra. Certo... la libertà di stampa è cosa grande. Ma anche ritrovarsi, nella migliore delle ipotesi, con la casa sventrata e senza lavoro non è da meno. Anche in Italia, soprattutto negli anni '80 e '90, quante brave persone che cercavano di lottare contro mafie e poteri occulti hanno perso la vita a causa di clamorose "sviste" di ignobili pennivendoli. Ognuno dovrebbe avere il diritto di esprimersi pubblicamente ma sapere anche che in seguito potrebbe rispondere dei propri "errori". Purtroppo, a dire quali dei giornalisti che operarono negli anni '90 meritebbero di andare all'Aja a far compagnia a militari e politici, dovrebbero essere degli storici; altrimenti si cade nella pura censura di regime. Tecnicamente uno storico questo lo potrebbe fare ma con tempi per i quali a rispondere dei delitto al massimo potrebbe essere il nipote del reo. Nel mondo attuale far esplodere una guerra civile è una cosa relativamente facile e difficilmente perseguibile. Speriamo che non debba essere proprio l'Italia a dover pagare per questo irreparabile limite della Giustizia.
 
Message Autore: carlo Data e ora: 03.07.2009 11:12
(dis)informazione croata
non credo che a Zagabria purtroppo si arriverà mai a un processo come quello di Belgrado. Lì la maggior parte delle redazioni degli organi di (dis)informazione sono in realtà dei comitati elettorali dell'HDZ (un po' come in Italia).
 
Message Autore: mario Data e ora: 30.06.2009 14:55
Fu tradimento ?
Argomento molto molto difficile e per questo comunque discutibili le cose scritte nell'articolo di Hedl. Ha tradito Vicevic ? E chi o che cosa ? Dipende dal punto di vista . Come soldato della Jna il suo compito era obbedire agli ordini dei superiori, proteggere i civili di tutte le parti , sedare i conflitti etnici . Passare con l'esercito Croato è stato in un certo senso un tradimento di questi compiti . Se invece si pone la questione della causa nazionale è tutto un altro discorso e allora non fu tradimento. Ma a Settembre 91 era un po' presto per abbandonare il proprio posto .
 
Message Autore: Roy Data e ora: 30.06.2009 12:26
crimini
Si, si tratta di una notizia falsa o imprecisa del Slobodni Tjednik che ha avuto un esito tragico ma non è proprio un esempio di crimini di guerra... Sarebbe molto più interessante vedere come la stampa serba abbia recepito e messo in atto il famigerato Memurandum JAZU con il quale aveva dato le linee ideologiche della guerra dei serbi contro tutti i loro vicini.